mod_eprivacy

Scoperta e Riadattamento: potenziare le proprie competenze per affrontare le sfide di oggi e di domani

Quale può essere il senso e il valore di un Emotional Intelligence Check-up?

ImmagineArticoloCheck upIl cambiamento, di qualsiasi natura esso sia, dallo scoppio di un’emergenza come quella che stiamo vivendo alla nascita di un figlio, dalla definizione di un nuovo assetto organizzativo all’arrivo in ufficio di un nuovo capo o un nuovo collega, rappresenta per tutti, indistintamente, un momento di scoperta ma anche un momento di riadattamento.

È Scoperta, perché ci permette di accedere per la prima volta a risorse interne, capacità, talenti che non conoscevamo, o forse che non avevano mai trovato lo spazio per potersi esprimere prima.

È Riadattamento, perché spesso accade che, in un contesto diverso, non riusciamo ad esercitare abilità, caratteristiche e risorse che generalmente sentiamo di possedere, poiché necessitano di una modifica, di un processo di “adeguamento” al nuovo setting.

Provo a farvi un esempio.

In questa quarantena potresti aver scoperto la tua adattabilità, nell’accogliere l’incertezza di questo momento, nel cercare costantemente nuove idee e nuove possibilità per gestire lavoro e famiglia.

Allo stesso tempo, nonostante tu sia una persona che ha generalmente una visione ottimista, potresti percepire in questo momento particolare, di essere focalizzata su ciò che ti manca piuttosto che cogliere le opportunità di questa situazione.

Cosa fare allora perché Scoperta e Riadattamento diventino entrambe fonti di apprendimento e di nuova consapevolezza?

Il primo passo è chiedersi:

  • Quale risorsa/e sto scoprendo di me in questo nuovo contesto?
  • Quale risorsa che pensavo di possedere fatica ad esprimersi in questo nuovo contesto?

A questo punto ci focalizziamo sulla scoperta e cerchiamo di capire in che modo quella risorsa può esserci utile anche in contesti diversi da quello attuale. Riprendendo l’esempio sopra: In che modo la competenza Adattabilità può essermi utile nel mio lavoro? Il saper accogliere l’incertezza che tipo di vantaggi può portarmi quando incontro il mio cliente?

Pensando alla risorsa che fatica ad esprimersi, un buon esercizio è quello di capire in che modo può tradursi in azioni utili oggi. Le domande che possiamo porci sono: Cosa devo cambiare di me e del mio modo di pensare per  essere ottimista oggi? Che cosa di me ha bisogno di essere innovato? Cosa può aiutarmi oggi ad avere aspettative positive nel futuro?

La modalità con cui dobbiamo gestire scoperta e riadattamento ha l’obiettivo di comprendere quali azioni specifiche possono tradurre in modo concreto le nostre competenze in contesti e spazi diversi. Sì, perché le nostre competenze, si manifestano attraverso comportamenti differenti, a seconda del contesto che viviamo ed è nostra responsabilità riflettere sui possibili comportamenti per allargare il più possibile il campo di azione.

Il leggendario scrittore di fantascienza Arthur C. Clarke, coniò il termine Transilienza per indicare la capacità di trasferire le proprie competenze da un ambito all’altro della propria vita, da un settore all’altro, da una professione all’altra. Questa abilità permette di ampliare gli orizzonti e di sviluppare adattabilità, intesa come capacità di rispondere in modo differenziato ed efficace a stimoli ambientali diversi.

In momenti particolari della nostra esistenza può essere più facile avere l’occasione di comprendere qualcosa di più su noi stessi, ma tale opportunità non sempre si presenta in modo nitido e continuativo. Inoltre, può essere pericoloso attendere che accada qualcosa di impattante nella nostra vita per renderci conto di dover sviluppare una particolare risposta comportamentale. È questo il senso di un Emotional Intelligence Check-up: ricavarsi il tempo di riflettere su se stessi, sull’adeguatezza del nostro portafoglio di competenze rispetto alle sfide quotidiane e future, senza immaginare di dover necessariamente far emergere “qualcosa che manca” o “qualcosa che non va”, quanto piuttosto di prenderci cura con continuità di ciò che siamo e che vogliamo diventare.

Nicoletta Zin

300GRAMMI